Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

Gli studenti del Galvani “adottano” il Teatro Romano di Via de’ Carbonesi

11/12/2012 , Bologna
GalvaniTeatro2012

Studiare Plauto, Cicerone, Terenzio? Certamente. Ma cosa di meglio per rivivere la magia dei grandi classici latini che recitarli negli stessi luoghi dov’erano rappresentati venti secoli fa?
Non è che una delle tante opportunità che la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna offre agli studenti del Liceo Ginnasio “Luigi Galvani” di Bologna nell’ambito della convenzione attivata nei giorni scorsi. Da qui alla fine dell’anno scolastico, docenti e discenti del più antico liceo classico della città diventeranno tutt’uno con il Teatro Romano in via de’ Carbonesi, adottando di fatto questo straordinario monumento di età repubblicana (risalente all’incirca all’88 a.C.) che è il primo esempio di teatro in muratura dell’architettura romana.
L’accordo siglato tra il Soprintendente Filippo Maria Gambari e la Preside Sofia Gallo coinvolge tutte le classi dell’indirizzo classico (tanto dei corsi ordinari che degli internazionali) per realizzare una serie di attività che promuovano, valorizzino e ridiano vita all’importante manufatto, purtroppo di norma chiuso al pubblico.
Sono in programma lezioni frontali sugli spazi e le architetture del teatro, visite guidate ai monumenti romani sparsi nel tessuto urbano per far cogliere agli studenti la connessione tra il teatro e la vita pubblica di Bononia, selezione e studio dei testi classici che saranno rappresentati in pubblico nel saggio finale che si terrà all’interno del Teatro al termine dell’anno scolastico.
Attraverso la collaborazione tra archeologi, docenti e studenti, la convenzione si propone di favorire la conoscenza e fruizione del patrimonio archeologico locale, nella fattispecie elaborando progetti ad hoc che aiutino a reinserire nel tessuto cittadino un soggetto (il teatro) che, dopo secoli di interramento, subisce da anni una situazione di “chiusura” ed emarginazione
Grazie ad essa, gli alunni potranno approfondire la conoscenza e i problemi conservativi del patrimonio storico e archeologico del territorio bolognese e regionale. La Soprintendenza fornirà loro strumenti operativi differenziati per età, adatti a comprendere le varie fasi del dato storico e a inquadrarle in temi di più ampio respiro legati all’antichità. Affiancherà inoltre gli insegnanti nella stesura dei progetti, accogliendo eventuali esigenze formative o di aggiornamento dei docenti, stimolando i confronti tra la struttura bolognese e altri teatri antichi anche in prospettiva di eventuali viaggi studio in Sicilia o partecipazione a spettacoli di teatro classico come ad esempio il Plautus Festival di Sarsina.
Il Liceo curerà una serie di approfondimenti didattici sui monumenti archeologici della fase romana di Bologna, parzialmente conservati e fruibili in diversi punti del tessuto urbano, esemplificativi di momenti significativi per la storia della città e, più in generale, della romanità.
Studenti e insegnanti del Galvani realizzeranno una serie di percorsi formativi incentrati sul teatro romano di Bologna e potranno effettuare attività didattiche all’interno della struttura stessa.
Al termine dell’anno scolastico, il Teatro ospiterà un saggio finale che metterà in scena i testi scelti e tradotti dagli studenti durante le lezioni di latino e greco. La performance sarà aperta al pubblico e documentata dagli studenti-colleghi del corso di fotografia.
Oltre all’approfondimento della fase romana di Bologna, la convenzione prevede la possibilità di iniziative analoghe in altre evidenze archeologiche risalenti a fasi diverse della storia cittadina o in altri complessi archeologici del territorio bolognese, a partire dal Parco Archeologico e Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria” di Marzabotto.

Per informazioni
Prof.ssa Maria Carlotta Bendandi, LCG Galvani, mcbendandi@alice.it
Dott.ssa Laura Forte, Soprintendenza, laura.forte@beniculturali.it

Sul Teatro Romano di Bologna www.archeobologna.beniculturali.it

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter