Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

Una mostra itinerante in giro per l' Europa

Mostre e libri sulla "esperienza" del terremoto in arrivo. L' architetto di Francesco, il soprintendente di Modena Stefano Casciu, la soprintendente beni architettonici Paola Grifoni e tutti i funzionari che da oltre 18 mesi lavorano praticamente ogni giorno per "resuscitare" anche dal punto di vista dei beni culturali una situazione di normalità nei territori colpiti hanno messa in calendario una rassegna e una serie di pubblicazioni.
«Per il prossimo maggio - anticipa la dirigente ministeriale - stiamo predisponendo una mostra che sarà itinerante in Italia e in Europa, in modo da spiegare come abbiamo lavorato noi del settore beni culturali a seguito di questa catastrofe della natura. La prima sede della nostra rassegna sarà a Milano, poi la trasferiremo a Bologna ossia nell' Emilia ferita e in seguito pensiamo di trasferirla a Bruxelles».
L' appuntamento, realizzato in collaborazione con Telecom Italia, si chiamerà "Terre ferme" e sarà una sorta di resoconto di quanto fatto fino ad ora, con la realizzazione di una serie di pannelli informativi e tanta multimedialità.
«Non ci limitiamo solo a questo - continua la dirigente regionale del Mibact - perché penso che questa tragedia debba restare nella memoria anche per le metodologie di lavoro che abbiamo intrapreso.
Per questo a gennaio pubblicheremo il primo dei nostri quaderni relativi alle azioni compiute dopo il sisma: conterrà una serie di dati di quanto fatto e come nei primi sei mesi dal maggio 2012. Il resoconto continuerà a marzo con la pubblicazione del quaderno relativo al primo anno di lavoro e poi inizieremo a pensare alla organizzazione di un altro convegno sul tema dei beni culturali colpiti che realizzeremo a maggio in occasione dei due anni dal terremoto. È importante descrivere bene questa esperienza che si compone di un sacco di buone pratiche e di risultati, insieme magari anche ad alcuni errori.
Certamente abbiamo acquisito esperienza e prima della tragedia quasi nessuno di noi conosceva o aveva partecipato a eventi di questo tipo». Facendo i debiti scongiuri, ma un evento sismico potrebbe sempre ripetersi in ogni parte d' Italia, ora l' esperienza acquisita dai tanti funzionari del ministero per i beni culturali diventerà la cartina di tornasole di quanto va fatto in questi casi. (s.l.)

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter