Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

COMUNICATO STAMPA

In riferimento alla dichiarazione del consigliere Stefano Venturini riportata nell’articolo apparso su Modena Qui martedì 18 febbraio relativa al piano di ricostruzione di Cavezzo nel quale la chiesa di S. Giovanni Battista a Disvetro veniva citato come esempio di progetto “calato dall’alto” senza il coinvolgimento della popolazione, la direzione regionale per Beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna desidera ricordare che lo stesso direttore arch. Carla Di Francesco prese parte il giorno 25 settembre 2013 ad un incontro pubblico organizzato dall’Amministrazione comunale durante il quale ebbe modo di illustrare il progetto di messa in sicurezza relativo alla chiesa affidato all’Istituto ministeriale dalla curia modenese.
La prima fase del progetto, consistita nella realizzazione di opere in somma urgenza finanziate con fondi della Protezione civile per un importo di circa 290.000 euro, terminerà a fine marzo (con cinquanta giorni di ritardo dovuti all’eccezionale ondata di maltempo) con la messa in sicurezza dei muri perimetrali e lo sgombero delle macerie: operazioni preliminari indispensabili per procedere con i successivi lavori di cantiere.
La seconda fase, inserita nel piano opere pubbliche e beni culturali del commissario delegato con un finanziamento per l’annualità 2013/2014 di 800.000 euro, prevede, tra l’altro, la ricostruzione delle parti crollate con un sistema in legno e acciaio concepito in modo reversibile o come opera provvisionale temporanea ma anche come possibile ossatura strutturale per gli interventi definitivi di ripristino.
Preme ricordare che la Direzione regionale è particolarmente sensibile al tema della condivisione delle scelte con la cittadinanza tanto che ha organizzato direttamente visite guidate ai cantieri del sisma e convegni a Carpi, Ferrara, Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Mirabello, Mirandola, Buonacompra e in molti altri centri, partecipando inoltre a numerose occasioni pubbliche organizzate da altri Enti.
Una costante presenza sul territorio e una volontà di interlocuzione con le persone che certamente non verranno meno anche nel momento in cui saranno più definiti i contorni del progetto di ricostruzione e recupero per il paese di Cavezzo.


MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO
Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna 
Ufficio stampa: dr-ero.ufficiostampa@beniculturali.it - tel. 051.42983243 
Responsabile dott. Raffaele Gaudioso raffaele.gaudioso@beniculturali.it 
Addetto stampa dott. Alessandro Mazzeo alessandro.mazzeo@beniculturali.it

Allegati

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter