Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

Castelli della Val d'Arda

di Monica Bettocchi
Tipo
storico-artistico
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Piacenza
Comune
Piacenza
Data compilazione
2007

Abstract

La valle, posta nella fascia orientale del territorio piacentino, offre un paesaggio ricco di scorci suggestivi e di tracce storiche, anche di epoca romana. Nell’XI secolo le famiglie dei Malaspina e degli Scotti ricoprirono un ruolo importante nella lotta tra Papato e Impero, mentre nel XVI secolo gli Sforza furono custodi del territorio e costruirono fortilizi. Nella parte bassa dominarono i Pallavicino, i quali nel XV secolo edificarono manieri che delineano i canoni dei castelli piacentini.

Descrizione

Nella fascia più orientale del territorio piacentino, la valle è segnata dal torrente Arda che nasce sull'alto Appennino in comune di Morfasso, forma il lago artificiale di Mignano, lambisce Lugagnano Val d'Arda e Castell'Arquato per poi sboccare in pianura, dove attraversa le città di Fiorenzuola d'Arda e Cortemaggiore prima di sfociare nel Po.

Chiusa a sud da un imponente anfiteatro di monti, che nel corso del tempo ha reso difficili i collegamenti, ma ha favorito la conservazione dell'ambiente naturale, la Val D'Arda ha costituito nel medioevo uno dei percorsi collegati alla via Francigena, che, risalendo il corso del torrente fino a Morfasso,  proseguiva poi fino a Pontremoli per ricongiungersi al cammino principale verso Roma.

Da Morfasso, oggi, una strada a mezza costa poco trafficata scende verso la pianura, attraversando boschi e piccoli insediamenti fino a Lugagnano, dove raggiunge la strada provinciale detta della Val D'Arda che scorre a fianco del torrente solo per un breve tratto e si innesta sulla via Emilia a Fiorenzuola.

La valle offre un paesaggio ricco di scorci suggestivi, dagli scenari fluviali ai boschi alle testimonianze geologiche, e di tracce della storia, dalle testimonianze di vita preistorica ai dai resti del Castrum romano di Veleja, dai borghi ai castelli, ai segni lasciati dai pellegrini. 

Nell'XI secolo, le famiglie dei Malaspina e degli Scotti, ricoprirono un ruolo importante nella lotta tra Papato ed Impero e, nel XVI  secolo, gli Sforza, furono i custodi di quel territorio e costruirono fortilizi sui contrafforti di rocce ofiolitiche e arenarie ricche di fossili, come a Gropparello.

Nel periodo medievale, la montagna fu sottomessa al potere vescovile, a quello del comune di Piacenza e delle singole  autonomie e a quello di diverse famiglie.

Nella parte bassa, scendendo verso il Po da Firenzuola, dominarono i Pallavicino che nel XV secolo edificarono manieri a pianta quadrata con torri angolari e fossato che delinearono i canoni dei castelli piacentini.

Tappe dell'itinerario

01- Castello Pallavicino-Casali
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
02 - Castello di Caorso
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
03 - Castello di San Pietro in Cerro
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
04 - Castello di Chiavenna Landi
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
05 - Castello di Alseno o Castello Landi
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
06 - Torre e Villa a Castelnuovo Fogliani
  • Tipo villa
  • Provincia Piacenza
07 - Borgo di Vigoleno
  • Tipo borgo fortificato
  • Provincia Piacenza
07 a - Castello di Vigoleno
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
07 b - Oratorio di Vigoleno
  • Tipo oratorio
  • Provincia Piacenza
07 c - Pieve di Vigoleno
  • Tipo pieve
  • Provincia Piacenza
08 - Rocca Viscontea di Castell’Arquato
  • Tipo Rocca
  • Provincia Piacenza
09 - Castello di Magnano
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
10 - Castello di Gropparello
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
11 - Castello di Sariano
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
12 - Castello di Travazzano
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
13 - Castello di Vigolo Marchese
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
14 - Castello di Cerreto
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza
15 - Castello di Zena
  • Tipo castello
  • Provincia Piacenza

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter