Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

11 - Sogliano al Rubicone (FC), la chiesa dell'abbazia di S. Leonardo a Montetiffi

di Elena De Cicco, Valter Piazza, Cetty Muscolino
1 Veduta dell'Abbazia di San Leonardo a Montetiffi di Sogliano al Rubicone
2 La facciata dopo il restauro 3 L'interno dell'Abbazia 4 Transetto sinistro con dipinte del XIV secolo 6 Abbazia di San Leonardo a Montetiffi
Tipo
restauri
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Forlì-Cesena
Comune
Sogliano al Rubicone
Località
Montetiffi
Data compilazione
2009

Ubicazione/Come arrivare

Abbazia di S. Leonardo a Montetiffi, nel comune di Sogliano al Rubicone (FC)

Descrizione

L’intervento conservativo realizzato nella chiesa dell'abbazia di San Leonardo a Montetiffi, manufatto imponente e austero sulla sommità di un costone roccioso sopra la valle dell'Uso, ha avuto come criterio informatore, stante l’impossibilità di restituire la completa integrità fisica ai materiali costituenti fortemente compromessi, quello di interrompere i fenomeni di degrado, restituire la leggibilità del manufatto, garantire un’ulteriore sopravvivenza nel tempo, utilizzando metodologie e materiali scelti e impiegati con la massima attenzione e perizia, sulla scorta dei dati, dei risultati, degli studi e delle indagini eseguite.
Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il fondo dell’8 per mille dell’IRPEF devoluto dai cittadini alla diretta gestione statale per l’anno 2003.
La chiesa, edificata nel secolo XI dagli abitanti del borgo e donata ai monaci di San Benedetto, fu oggetto nel corso dei secoli di restauri, addizioni e demolizioni che non hanno però modificato la natura del manufatto, struttura compatta e solida, con poche aperture che evidenziano lo spessore dei muri, e arricchita all’interno da pitture e da elementi che articolano e scandiscono in senso plastico le pareti, quali lesene, nicchie e motivi che discendono dall’architettura ravennate.
L’intero edificio è nella sua parte originaria costruito integralmente in blocchi squadrati di calcarenite che le indagini mineralogico-petrografiche eseguite hanno confermato provenienti dall'affioramento torbiditico su cui è stata edificata la chiesa, costruita quindi con il materiale scavato e prelevato direttamente dal monte su cui è stata fondata.
Il paramento lapideo si presentava fortemente degradato con diffusi fenomeni di esfoliazione lungo i piani di sedimentazione, presenza di croste nere sui paramenti murari al riparo dalla pioggia, e crescita di vegetazione infestante.
Il progetto di restauro delle strutture murarie ha previsto il preconsolidamento degli elementi in precario stato di conservazione, la disinfestazione ed eliminazione della vegetazione infestante, la pulitura e rimozione dei depositi superficiali coerenti, la rimozione e l’abbassamento delle connessure eseguite durante interventi precedenti, la posa in opera di nuova stuccatura con composizione simile all'originaria, come risultante dalle analisi eseguite sulle malte, il consolidamento con puntuali operazioni di microstuccatura eseguite sulle singole pietre e infine trattamenti di protezione finale.
Il restauro a “scuci-cuci” è stato eseguito in maniera assolutamente limitata ai casi effettivamente necessari, a sostituzione di elementi lapidei che avevano perso le caratteristiche di resistenza e dei materiali diversi (scaglie di pietra e mattoni nuovi) che risultavano non armonizzanti con il contesto. Sono state riportate alla luce le originali mensole, che reggevano l’architrave in pietra della porta di accesso, e sono state rimosse le tamponature che chiudevano le sei aperture presenti nella navata.
Le indagini e le opere di conservazione sono poi proseguite all'interno con il restauro delle pitture visibili e di quelle successivamente scoperte nel transetto sinistro, all’interno di una nicchia che era stata tamponata da un'armadiatura settecentesca.

Cronologia

2008

Bibliografia

E. DE CECCO, V. PIAZZA, C. MUSCOLINO, La chiesa dell'abbazia di S. Leonardo a Montetiffi, Sogliano al Rubicone, in P. MONARI e A. SARDO (a cura di), Restauri in Emilia-Romagna: attività degli Istituti MiBAC nel 2008. Atti del Convegno organizzato dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia-Romagna nell'ambito del XVI Salone del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali (Ferrara, 25-28 marzo 2009), Bologna 2009; pp. 141-151

Mappa

Itinerari collegati

Restauri in Emilia-Romagna: attivitą degli Istituti MiBAC nel 2008
  • Tipo restauri
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Province varie

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter